Emozioni forti

Mattina, interno, fine estate, la luce entra piano dalla finestra. Rimesto con la mia consueta gioia un’inesprimibile pappetta di cereali leggendo uno dei numeri di Vanity Fair che il postino ha accumulato nelle settimane scorse nella nostra cassetta delle lettere.

Oh… una premessa: ma lo sapevate che Vanity Fair è un SETTIMANALE e che se state fuori tre settimane in vacanza poi vi ritrovate a dover sfogliare centinaia di pagine di gossip, moda, qultura (non trovo la k sulla tastiera) e articoli che fingono, anzi trasudano, serietà ma si vede benissimo che in realtà sono illeggibili cazzate. Il tutto condito dalla righina finale che scandisce: “tempo di lettura previsto…”.

In ogni caso, leggo un’improbabile intervista a Jo Champa che, fortunati tutti noi, ci avverte che per il decimo anniversario di matrimonio ha voluto sorprendere il suo adorabile e quasi ottuagenario marito (del resto pensavo che anche lei viaggiasse per gli ottanta e invece ha solo 41 anni. Ma tu guarda le sorprese della vita) con un servizio fotografico di NUDO. Ora, a parte il fatto che nelle foto si vedono solo due tette, con la signora sistemata in una posizione tale da sconfiggere la legge di gravità, così da farle sembrare soffici nuvole che sfilano leggere nel cielo, ora – dicevo – il punto non è questo. Due tette si guardano sempre, anche se sono di Jo Champa (se solo mi ricordassi chi è Jo Champa sarei anche più contento).

Il punto è: sollecitata a comunicare all’umano consesso perché, dopo alcuni anni di beata assenza, avesse deciso di tornare a recitare, la signora pronuncia la seguente frase: “Mentivo in buona fede. Me ne sono accorta guardando Una notte al museo 2 con mio figlio Sean. In una scena romantica, sono scoppiata a piangere e ho pensato: “Ecco, è questo. Niente altro mi dà emozioni così forti”. Così ho deciso: faccio un film”.

Allora ho abbassato gli occhi, ho guardato il mio Weetabix molliccio, inzuppato di latte parzialmente scremato e ho pianto. E ho pensato: “Ecco, è questo. Solo i cereali mi danno emozioni così forti”.

Che sia giunto il momento anche per me di tornare a recitare?

Annunci

3 comments so far

  1. nastja on

    ma Jo Champa non era il culo più bello d’Italia ? No, forse quella era Nadia Cassini. Credo comunque che fosse discreto materiale per pippe adolescenziali dei miei coetanei.

  2. marcoaprile on

    Secondo me come culo vinceva Nadia Cassini…

  3. Francesca on

    quindi, chiunque abbia pianto vedendo un film, deve fare un film? Caspita, a saperlo prima, avrei già 3 o 4 oscar sul termosifone di casa 😉


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: