30 secondi da un altro pianeta – part III

Siamo tutti molto concentrati.

Ci salutiamo con garbo. Una cosa da adulti, da gente che “Sì sì in fondo è passato del tempo“. Mentre parli, io guardo bizzarri allestimenti sospesi all’ingresso. Cammino per le sale della mostra: le parole sui pannelli esplicativi si muovono, oscillano, cambiano davanti ai miei occhi: “Vai avanti così“, “Ecco, bravo, dai“, “Ottimo, resisti“.

Alla fine, riesco persino a essere affabile e lontano al punto giusto: come per dire “Ah beh, non sai che ti sei persa…“.

Persino la mia accompagnatrice mi sostiene. Dopo, all’uscita mi farà addirittura i complimenti. Son soddisfazioni.

Fuori, c’è un sole nero che graffia, l’aria è difficile da respirare. Sa di polvere, ruggine e medicine.

Ho bisogno di un bicchiere d’acqua. Uno soltanto.

Annunci

3 comments so far

  1. Federica on

    ma torni su questo pianeta? per favore…

  2. Valentino on

    Sono i fiumi carsici della psiche!

  3. Federica on

    Valentino, vai con la specialistica, che c’è del lavoro da fare…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: