Fenomenologia del maestro, II

Da giovani sono sempre bellissimi. Scivolano leggeri sulle piste per finire direttamente tra le braccia di ragazze adoranti o signore di gran classe. Vestono con irritante eleganza indumenti che rendono invece i comuni mortali simili a migranti approdati per caso su una pista da sci.

Hanno occhiali a specchio, così non vedi mai i loro occhi. Ma non è maleducazione, è mistero.

Quando parlano qualcosa si incrina, nel disegno della perfezione sciistica. Un accento marcato, un tono di voce troppo elevato. Magari anche una battuta in dialetto.

Così inizi a dubitare, ma intanto rotoli a valle privo di stile.

Passano gli anni, tu li immagini sempre uguali, perfetti e irraggiungibili. Ma anche loro invecchiano: perdono i capelli, per esempio. E quando questo non succede la loro capigliatura diventa stopposa e unticcia, proprio come la tua. Non ingrassano – questo no – però tute e giacche a vento non stanno più in quel modo così perfetto, così aderente.

Si stancano e crollano sulle panche di legno dello chalet. Hanno il doppio mento.

Dio esiste, a 2700 metri di quota.

Annunci

1 comment so far

  1. Paolo on

    Non ci crederesti ma d’estate quelli che non fanno i maestri di golf (ma sono rari) sono muratori o carpentieri!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: