Finger food

Lei è bionda, il calcagno preme spesso e screpolato sui sandali lucidi di vernice. La figura è piena sul davanti, le gambe sono sottili. Gonna turchese e maglietta rosa.

Si avvicina al tavolo della colazione, in quest’albergo davanti al mare. Si guarda attorno incerta: una brioche? Una fetta di pane? Un frutto? Poi decide, sceglie il lato sassone dell’offerta: il prosciutto. Prende un piatto e mi passa alle spalle. Ha un profumo intenso sotto il quale si percepisce l’odore forte di sudore.

Afferra le fette con le mani, una a una. Le guarda in controluce, le rigira, quasi fossero dei collant di cui deve stabilire la velatura. Adesso torna al tavolo – da Lui – barba lunga e occhiali da sole. Sulla t-shirt Baci e Abbracci posso scorgere da qui piccole scaglie di forfora. Beve solo un caffè, naturalmente, per poi correre a fumare una sigaretta al cesso, appoggiandola ogni tanto sullo sciacquone.

La luce inonda la sala, ci siamo solo io e loro due. Lui non parla e guarda fuori. Lei mangia il suo prosciutto, con le mani.

Forse potrei mangiare i miei corn flakes con le mani, con la ciotola vicino al mento, travolto da una fame primordiale.

Oppure potrei tossire rumorosamente, ritrovando a fatica il respiro con un sibilo.

Ecco, forse potrei urlare.

Appoggio il cucchiaio al piatto con delicatezza, non vorrei che il rumore coprisse quello del loro silenzio.

Annunci

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: